Ma chi t’ha fatto fa’?

Ma chi t’ha fatto fa’?

Ma chi t’ha fatto fa’?

Lo diciamo a Napoli, spesso rivolto ad un amico, in segno di bonario rimprovero per una sua azione che ha avuto (o potrebbe avere) conseguenze spiacevoli o imprevedibili.

Ma questa frase non avrebbe altrettanto peso o colore se non fosse accompagnata da un inequivocabile gesto: le mani giunte vengono portate al torace e poi allontanate ripetutamente.

Questo è un gesto dai molti significati, per la cui comprensione spesso è fondamentale il contesto in cui viene fatto, come pure l’espressione del viso. Può indicare impazienza, “Ti vuoi muovere?”, ma anche rassegnazione e principio di rabbia quando non si hanno più risorse: “Ma cosa vuoi ancora da me?”.

Nell’immagine una illustrazione di Francesca.

Maggiori informazioni:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *